Definizione

La noce moscata è il seme contenuto nel frutto di una pianta sempreverde, la Myristica Fragrans. Deve il suo nome alla capitale dell’Oman, Masqat, in passato mercato principale per questa spezia. Maggiori informazioni qui. La noce moscata è largamente usata nell’industria alimentare, sia del dolce che del salato.

Origini e raccolto

Le maggiori aree di produzione sono le Indie orientali e le Indie occidentali, o più precisamente Indonesia e Grenada. La pianta richiede otto anni per iniziare a fruttificare ed il frutto sei mesi a maturare. Il frutto è raccolto quando è maturo e cade, in pratica tutto l’anno.

Andamento dei prezzi di mercato

La produzione mondiale è di circa 12/14.000 tonnellate annue. I prezzi sono influenzati, oltreché dalla domanda ed offerta, anche dalle condizioni climatiche, alle quali le noci moscate sono molto sensibili data la delicatezza del loro processo produttivo.

Classificazione delle noci moscate intere

Le noci moscate vendute intere, in genere ai confezionatori, vengono abitualmente classificate secondo i seguenti gradi:

CALIBRATE:

Numero di noci per libbra

Generalmente da 80 a 130. Minore è il numero, maggiore la dimensione ed il prezzo della noce
A B C D Dimensioni minori miste
SHRIVELS Intere ma avvizzite, usate per la produzione di noci moscate macinate
B.W.P. Broken, Wormy and Punks: non adatte al consumo umano diretto, anzi proibite, usate nell’estrazione degli olii essenziali

Parametri di alta resa industriale per la noce moscata macinata

L’industria alimentare acquista noce moscata macinata, la cui qualità e resa sono espresse dai seguenti parametri relativi al prodotto sterilizzato

Ceneri insolubili 1% Max
Ceneri totali 6 % Max
Umidità 12% Max
Olii essenziali 5% Min. In media 5% – 7%

Il contenuto di olii essenziali è il parametro più importante ai fini della produzione e dei costi industriali.